profilo>

urbanistica

architettura residenziale

work in progress

direzione artistica

architettura direzionale

interior design

architettura cimiteriale

allestimenti

concept store

industrial design

convegni / premi / master

pubblicazioni

contatti

 
Da oltre venticinque anni svolge attività di libero professionista occupandosi prevalentemente della progettazione e direzione dei lavori di architettura civile residenziale, commerciale e direzionale in Italia, in Francia e in Spagna. Nei primi vent’anni di professione ha svolto interventi di recupero e di ristrutturazione edilizia in fabbricati vincolati o comunque di pregio storico-architettonico in Liguria, a Montecarlo (Francia), a Rimini, nella Repubblica di S.Marino, a Reggio Emilia ed infine a Modena e dintorni. Ha progettato e diretto i lavori di alcuni consistenti interventi di restauro conservativo, ristrutturazione e nuova edificazione di complessi residenziali volti alla definizione di una innovativa qualità dell’abitare: a Sassuolo (Recupero di un ampio complesso di archeologia industriale avente origine Seicentesca e parco pubblico denominato Comparto Ex-Officine Ballarini, Restauro di fabbricati con corte interna in centro storico ricadenti nel Comparto Ex-Municipio-via Fenuzzi, via Pretorio, via XX Settembre), a Modena (ricomposizione tipologica di villini inizio XX secolo (via Moreali e via Vedriani) ed il restauro di un imponente complesso residenziale immerso nel parco di origine settecentesca denominato Complesso Villa Buonafonte a San Damaso) e a Dinazzano di Casalgrande (Restauro Scientifico del Complesso di Villa Carandini con annessi serra, scuderia e fabbricati rurali di origine Ottocentesca compreso il parco secolare). Ora sta curando il restauro del castello medioevale di Talbignano nel Comune di Polinago. Nell’ambito della progettazione direzionale ha concluso la realizzazione degli uffici delle “Ceramiche Ascot”, della “Dom Ceramiche” di Solignano (per la quale inoltre progettò vari stand per il Cersaie Bo, fra cui vinse il riconoscimento del miglior stand dell’anno 2001), e della “Punto 4” a Spezzano (entrambe ampliamente pubblicate da riviste di architettura). Il suo interesse è rivolto ad una rispettosa conservazione delle testimonianze del passato unitamente alla ricerca di un linguaggio architettonico attento a nuove soluzioni formali e tecnologiche. Da anni ha mostrato un profondo interesse per le arti figurative e per il design (in relazione a quest’ultimo settore, ha curato l’allestimento a Milano di “Virtually Design” per l’esposizione di oggetti inediti di grandi designers, e di “Mandala”, gioco scenico di Franco Guerzoni in occasione del Festival della Filosofia 2002 a Sassuolo). Si ricordano inoltre le pubblicazioni dei lavori svolti su riviste specializzate: INTERNI ANNUAL CUCINA _ 1997, CASE DA ABITARE _ MARZO 1999, ABITARE _ GIUGNO 2001, INTERNI _ APRILE 2002, DDB _ MARZO/APRILE 2004, INTERNI _ MAGGIO 2004, INTERNI _ LUGLIO/AGOSTO 2004, ABITARE _ SETTEMBRE 2004, METROPOLIS _ FEBBRAIO 2005, ELLE DECOR _ MARZO 2005, ABITARE _ FEBBRAIO 2007, INTERNI _ DICEMBRE 2007, DDB _ DICEMBRE 2007, AIT _ NOVEMBRE 2008, ELLE DECOR _ MAGGIO 2009, MARIE CLAIRE maison _ FEBBRAIO 2013,DDB NOVEMBRE _ DICEMBRE 2009, ELLE DECORATION (rivista inglese) _ SETTEMBRE 2013, MEZONIN (rivista russa) _ MARZO 2014, NATURAL STYLE _ NOVEMBRE 2014, GRAZIA _ APRILE 2015, MAD & BOLIG _ LUGLIO 2015, HOMES & GARDENS _ AGOSTO 2015, F _ GIUGNO 2016, QUIN _ MAGGIO/GIUGNO 2017, CASE COUNTRY _ GIUGNO 2017, QUIN _ LUGLIO/AGOSTO 2017. Sono in corso di pubblicazione altri interventi di Recupero di fabbricati soggetti a vincolo di Restauro ricadenti nel centro storico della città di Modena, in cui si è avuta grande cura nella progettazione degli interni. Dal 2001 al 2005 è stato direttore Artistico delle Ceramiche Provenza di Spezzano, dove ha curato ogni evento pubblico (stand Cersaie Bologna dal 2002 al 2005, allestimenti espositivi a palazzo Bentivoglio a Bologna, a palazzo Pisani-Moretta a Venezia, alle Tese Vergini presso l’Ex-Arsenale a Venezia, ecc…); la presentazione della produzione, il merchandising ed il design di un ambizioso prodotto industriale: Endless, architettura di luce, acqua e materia. Sempre per Ceramiche Provenza nel 2003 ha progettato e realizzato un “Concept Store” a Barcellona (Spagna) in Paseo St. Juan, il “121”, ampiamente pubblicato dalle migliori riviste di architettura. Dal 2006 ha avviato una nuova collaborazione come consulente artistico delle Ceramiche “Mutina s.r.l.” fino a Luglio 2009, per la quale ha curato eventi, spazi espositivi, merchandising e prodotti ceramici. Nel 2006 ha progettato la linea di ceramiche Ready-Made in cui approfondisce la ricerca nell’ambito di materiali naturali utilizzati in passato o provenienti da svariate fonti, più volte pubblicata su riviste di settore. Grande successo ha riscosso anche l’allestimento presso il Cersaie di Bologna (2008 e 2009), lo stand, XXXXXXL BOX quale contenitore del mondo Mutina, macroscopica reinterpretazione di un oggetto per i prodotti di merchandising. Tra gli allestimenti e le ristrutturazioni più significative: il Flagship Store di Parigi in Rue St Nicholas, Crea 14 , spazio Giulio Tanini a Firenze, il Friends America Design District di Miami, oltre a molti altri “corner” in tutta Italia ed Europa. Da tempo si è dedicata alla progettazione esecutiva di arredamento di interni ed urbano e ha stretto collaborazioni con aziende produttrici di industrial design, disegnando rubinetterie (F.lli Fantini s.p.a.), corpi illuminanti (Davide Groppi®) e ceramica con la linea “Ready-Made” per Ceramiche Mutina. Ha inoltre dato il suo apporto al Convegno Nazionale del 2006 della Kerakoll sulla Bioarchitettura ed il Restauro, portando come testimonianza di interventi innovativi in tali campi il recupero dell’Ex-Ballarini, di Villa Buonafonte e di Villa Carandini, oltre al Convegno Internazionale di Bioarchitettura a Conegliano Veneto il 2 Dicembre 2006 “Siti industriali tra ecologia e recupero”. Ha inoltre vinto il 2° premio per il concorso “Mattone d’Oro Re Awards Real Estate” tenutosi a Roma il 12 Novembre 2008, nella categoria di archittettura sostenibile con il suo progetto del Comparto Ex-Ballarini. A quest’ultimo progetto viene inoltre riservata una lezione universitaria, tenuta dall’arch. Silvia Giacobazzi a Firenze presso la facoltà di Architettura, nel corso di Progettazione del prof. U.Tramonti, il 4 Novembre 2010. Sotto il profilo a più grande scala urbanistica ha redatto il progetto planivolumetrico per il Piano Operativo Comunale di Sassuolo, nell’ambito AR.2m, Comparto Ex-Ballarini, e sempre per il Piano Operativo Comunale il progetto nell’ambito “Ospedale di Sassuolo” oltre al Piano Particolareggiato ex Cantina Vinicola a Formigine. Su incarico del Comune di Sassuolo ha inoltre elaborato il progetto di massima per il completamento del Piano di Recupero del Comparto Ex-Municipio-via Fenuzzi, via Pretorio, via XX Settembre. Nel 2010/2011 ha elaborato un progetto per un consistente intervento di recupero e di completamento nell’area della Ex-Cantina Vinicola del 1920 in prossimità del centro storico di Formigine ed attualmente sta lavorando ad un consistente intervento di recupero nel centro storico di Sassuolo in traversa Barozzi. Per quanto riguarda il centro storico di Modena, ha recentemente curato il progetto e la direzione lavori del palazzo Finzi Levi di piazza Mazzini, della ristrutturazione degli interni della palazzina Cionini Barbolini di viale Reiter e di alloggi e B&B in corso Canalchiaro e in via Servi. In ultimo ha recentemente completato il recupero di un complesso di rustici in sasso nell’entroterra Versiliese ai piedi di un’antica cava dismessa, con piscina, immersi nel bosco a pochi chilometri da Pietrasanta e Forte dei Marmi.
   
 
 
italiano | english